Spende: come funzionano le donazioni in Germania


Non impari a camminare seguendo delle regole. Lo impari provando e cadendo
."


Tratto da: VLH e.V.

Cosa sono le donazioni e come si fanno?

Le donazioni a un'organizzazione con privilegi fiscali - come un'organizzazione non-profit - sono deducibili dalle tasse come spese speciali.

Anche se sempre meno persone hanno donato in Germania, la donazione media pro-capite è aumentata a 146 Euro. Questo è il risultato del German Donation Monitor 2015. In totale, circa 4 miliardi di Euro sono stati donati a organizzazioni caritatevoli. Questo non solo aiuta le organizzazioni, ma anche i donatori. Perché le donazioni possono essere detratte come spese speciali dalle tasse. Soprattutto per le donazioni in caso di disastro, il Fisco tedesco da incentivi ai benefattori.

Cos'è una donazione?

Una donazione è una liberazione volontaria dove non ci si aspetta nulla in cambio. Non importa se sono soldi, vestiti vecchi o tempo di lavoro volontario - per fare in modo che una donazione possa essere detratta, deve essere fatta esclusivamente a un'organizzazione che abbia una fiscalitá privilegiata.
Questo video offre una chiara panoramica su quali organizzazioni sono avvantaggiate dalle tasse e su come è possibile detrarre le donazioni dalle tasse.

Quali organizzazioni sono favorite?

Le organizzazioni con privilegi fiscali includono, ad esempio, chiese, università, musei statali, associazioni e fondazioni no-profit (senza scopo di lucro), nonché partiti politici. Questi ultimi, tuttavia, godono di uno status speciale nel diritto tributario.
In linea di principio, l'organizzazione deve avere la propria sede in Germania. Una elemosina a un mendicante o i soldi messi nel cestino delle offerte in chiesa non sono riconosciute dall'ufficio delle imposte come "donazioni".

Quali forme di donazione ci sono?

Oltre alla forma più comune di donazione - la donazione in denaro - c'è anche la cosiddetta donazione in natura. Che si tratti di vestiti vecchi, palloni da calcio o ausili ortopedici come le stampelle, come dice già il nome "Sachspende", queste sono donazioni di merci a un'organizzazione. Quando si donano "cose" nuove, detrarle poi risulta semplice. Se si portano invece articoli usati, è necessario stimarne il valore.
Oltre alle donazioni in denaro e alle donazioni di oggetti, ci sono anche le "donazioni dei costi" e le "donazioni compensative". Sono meno comuni e le detrazioni sono un po 'più complicate.

Cos'è una donazione dei costi?

Ad esempio, chiunque contribuisca attivamente a un'organizzazione non profit di solito lavora non solo come volontario, ma ha anche delle spese. Ad esempio effettua viaggi a favore dell'associazione con la propria auto o paga le forniture per ufficio, telefono e posta. Nel caso di una donazione dei costi ti astieni dal richiedere il rimborso per le spese sostenute e puoi richiedere una ricevuta di donazione, che puoi includere nella dichiarazione dei redditi. Questa è una spesa speciale.
Il requisito di base per una donazione dei costi è: la richiesta di risarcimento dei costi deve essere nello statuto o essere scritta in un contratto.
Sembra complicato? Un esempio puó chiarire: Christian M. trasporta nella sua auto privata i ragazzi della squadra di calcio per le partite in trasferta. Il club gli ha promesso 0,30 centesimi per ogni chilometro percorso. Ma Christian rinuncia al denaro e in cambio riceve una ricevuta di donazione sulla somma promessa. Questa somma entra come una spesa speciale nella dichiarazione dei redditi.

Cos'è una donazione compensativa?

Con una donazione compensativa donate all'ente il vostro tempo di lavoro. Funziona allo stesso modo della donazione delle spese: hai concordato in anticipo e per iscritto con l'associazione un compenso in denaro ragionevole per  la tua attività - e rinunci più tardi ai soldi. Riceverai una ricevuta di donazione e potrai detrarne poi l'importo dalle tasse come donazione.

Fino a che importo sono deducibili le donazioni?

Le donazioni sono deducibili fino al 20 percento del reddito totale come spese speciali. Supponiamo ora di aver donato di più, ovvero il 25 percento del reddito, in un anno. Quindi puoi semplicemente "si porta avanti" il 5 percento (che supera l'importo massimo) nell'anno successivo, cioè lo inserisci nella dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.

Le quote associative sono anche spese speciali?

In linea di principio, le quote associative e le quote di ammissione delle organizzazioni senza scopo di lucro possono essere dichiarate come spese speciali. Tuttavia, se l'associazione o l'organizzazione promuove scopi caritatevoli "orientati al tempo libero", non può emettere una ricevuta di donazione. Pertanto, la quota associativa non è deducibile. Ma cosa si intende per "tempo libero"? Questi includono, per esempio, sport e club di canto, bande musicali, proprietari di piccoli orti e club per eventi di carnevale.

Devo dimostrare la mia donazione?

L'ufficio delle imposte accetta una donazione solo se è stata confermata da una ricevuta di donazione - vale a dire una ricevuta di donazione secondo il modello prescritto ufficialmente. La ricevuta di donazione contiene, tra l'altro, il tipo di donazione e l'importo della donazione e conferma che la donazione è utilizzata solo per uno scopo specifico, fiscalmente privilegiato. Di norma, riceverai automaticamente una ricevuta di donazione da organizzazioni non profit all'inizio dell'anno successivo.

Importante: dal 2018 si applica il cosiddetto requisito di conservazione dei documenti. In parole povere, ciò significa che non è più necessario allegare la ricevuta della donazione nell'originale della dichiarazione dei redditi. Si inserisce solo la somma sotto le spese speciali. Ma, l'ufficio delle imposte può sempre chiederti di inviare la ricevuta della donazione. Pertanto, mantieni tutte le ricevute di donazione con cura - almeno fino a un anno dopo l'annuncio della valutazione fiscale. Chi riceve l'avviso fiscale, ad esempio, il 20.06.2018, deve conservare la ricevuta della donazione fino al 20.06.2019.

Inoltre:
Anche l'ufficio delle imposte non è immune dalla digitalizzazione: Con una lettera datata 2017/06/02 il BMF - Ministero federale delle Finanze - ha annunciato che le organizzazioni senza scopo di lucro possono decidere in futuro se presentare la ricevuta fiscale per posta o per e-mail al donatore. Ma anche con la versione elettronica, ovviamente, deve essere creata secondo il modello ufficiale.

Le donazioni al di sotto dei 200 euro si possono dedurre dalle tasse in modo ancora più facile attraverso una "verifica semplificata", cioé attraverso un semplice bollettino di versamento bancario timbrato dalla banca, l'estratto conto bancario cartaceo o quello scaricabile dal PC dai conti online banking. Per donazioni fino a 200 euro è sufficiente quindi una semplice prova. Ma anche in questo caso, l'obbligo di conservazione del documento è sempre in vigore dal 2018, quindi la prova non deve essere allegata direttamente alla dichiarazione dei redditi, ma deve essere conservata per almeno un anno.

Posso inviare una ricevuta di donazione all'ufficio delle imposte?

Cosa succede se ho appena inviato la dichiarazione dei redditi e ricevo la ricevuta di donazione per posta? Situazione fastidiosa, ma hai ancora la possibilità di inserire la tua donazione come spesa speciale nella dichiarazione dei redditi.
Non appena ricevi la tua cartella delle tasse, controlla se la tua donazione è stata presa in considerazione dall'ufficio delle imposte. In caso contrario, è necessario presentare un ricorso entro quattro settimane. Indirizzalo al responsabile dell'ufficio delle imposte e allega la ricevuta di donazione alla lettera. Quindi la donazione può ancora essere dichiarata. Importante: se non si reagisce fino alla scadenza del periodo di reclamo, la donazione non sarà più riconosciuta retroattivamente. A proposito, l'ufficio delle imposte di solito ti solleciterá anche all'invio di eventuali documenti mancanti.

Ho donato tramite Paypal - posso dichiararlo?

Sì, puoi. Questa è almeno l'opinione del Ministero delle Finanze Schleswig-Holstein. Nel "Quick Info PIT 16/2013" del 6 Giugno 2013, i funzionari elencano cosa è necessario considerare come donazione: Per donazioni sotto i 200 euro eseguite tramite Paypal, è necessario un estratto conto del conto Paypal. Assicurarsi che sia chiaramente identificabile il titolare del conto e il suo indirizzo e-mail. Per i pagamenti con Paypal, l'indirizzo e-mail - in alternativa al numero di conto - viene utilizzato come funzione di identificazione.
Oltre all'estratto conto, è necessario allegare una stampa dei dettagli della transazione alla dichiarazione dei redditi. Il destinatario della donazione deve rendere disponibile questi dettagli, ad esempio come download. Puoi allegare quindi questi dettagli al  prestampato di un bollettino di trasferimento in una classica donazione.
Comments