Lavoro‎ > ‎

Zeit Arbeit Firma - Come funzionano?

Le Zeitarbeit Firma: la migliore soluzione per trovare subito lavoro in Germania
“Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione.”
Henry Ford

In generale

CLICCA SUI LINK PUBBLICITARI. Aiutaci a coprire le spese del sito

In Germania la maggior parte del personale impiegato nell’area logistica (magazzino, spedizioni, movimentazione merci) e nell’area produttiva (fabbriche, catene di montaggio e così via) viene assunto tramite ZeitArbeitFirma, in italia conosciute come agenzie interinali. A differenza dell’italia, in Germania la maggior parte dei contratti d’entrata (ovvero quelli con cui venite assunti) hanno una durata minima di 6mesi – 1anno, quindi lontani anni luce da quei contratti ridicoli di 2 -3 mesi senza rinnovo che vengono offerti in Italia.

Tutto ciò è dovuto al semplice fatto che VOI per la vostra Zeitfirma valete un mucchio di denaro, dunque, più a lungo lavorate per loro e più soldi guadagnano, semplice no?

In pratica voi siete assunti da una società come la Randstad, Adecco, Manpower che vi “presta” a sua volta ad una società più grossa (Michelin, Opel, DHL, TNT…)  per un periodo di tempo determinato (sostituzione per maternità, sostituzione per malattia) o per un periodo di tempo indefinito (apertura di un nuovo reparto, espansione aziendale) fin quando la società committente non decide di assumervi direttamente con loro o di non volervi più tra i piedi.

Ciò vuol dire che, se nel mentre lavorate alla TNT, vi è un calo del volume di lavoro, voi non vi ritroverete in mezzo ad una strada in quanto la vostra Zeitfirma, avendo ricevuto un preavviso di 1 – 2 mesi, avrà provveduto a trovarvi un’altra posizione in un’altra azienda che nel frattempo ha fatto richiesta di personale.

Nella norma ogni ZF cerca di piazzare più candidati possibili per ovvie ragioni economiche ma anche di prestigio, in quando ogni volta che un impiegato riesce a “vendere” un candidato, sale nella scala gerarchica della propria azienda. Naturalmente ciò non vuol dire che loro assumono chiunque purchè abbia due braccia. Più il candidato è qualificato[1], più facile sarà piazzarlo da qualche parte sperando che ci rimanga il più a lungo possibile.

Per farla breve:
1. Voi vi candidate
2. Loro vi assumono
3. Loro vi piazzano
4. La committente paga la ZF ~25€/h
5. La ZF paga voi ~8,50€/h

La paga oraria

La vostra paga oraria viene definita a tavolino durante il colloquio preliminare che precede l’eventuale assunzione da parte della ZF, ovvero vi viene chiesto “Quanto vuoi?” e in base alla vostra esperienza (inclusa anche la conoscenza linguistica) voi avanzate una richiesta (Es. 10€ l’ora), starà poi alla ZF decidere se presentare la vostra richiesta alla committente oppure passare direttamente ad un altro candidato.

Esempio nr.1

(Telefonata fra ZF e committente)
· Salve avrei bisogno di un operaio per scaricare i cartoni della posta dal camion, vi paghiamo 18€/h
· Si, abbiamo diversi candidati con e senza esperienza
· Perfetto, mandatene uno, con o senza esperienza è uguale. Deve solo scaricare i cartoni.

In questo caso la committente ha stabilito una paga di 18€/h, se la ZF decide di mandargli un ragazzo con 10 anni di esperienza in magazzino, patente speciale, conoscenza perfetta dell’inglese, ecc. che ha avanzato una richiesta per una paga di 13€ l’ora, avrà un guadagno molto basso e soprattutto sprecherà un elemento valido; opterà dunque per un candidato che ha accettato di lavorare per la paga minima di 8,50€/h in quanto senza esperienza e quindi senza tante possibilità d fare “il prezioso”.

Esempio nr.2

(Telefonata fra ZF e committente)
· Salve avrei bisogno di un operaio per movimentare merce delicata in spazi ristretti, vi paghiamo 25€/h
· Si, abbiamo un operaio specializzato con patente e certificati ma saliamo di prezzo, 30€/h in quanto l’operaio ha 10 anni di esperienza.
· Perfetto, il lavoro è delicato, non possiamo rischiare. Mandatelo quanto prima.
In questo caso la ZF ha potuto rilanciare l’offerta in quanto la richiesta della committente era abbastanza specifica ed il candidato aveva “i numeri giusti” ovvero esperienza e certificati.

Tutto questo però non vuol dire che, visto il massiccio numero di richieste di personale che riempiono giornali e pagine internet, le ZF assumino chiunque bussi alla loro porta. Più si è bravi e più si è contesi, più si è contesi e più si può discutere circa la propria busta paga.

Se non avete una capacità particolare (resistenza allo stress, forza fisica, conoscenze informatica, manualità, ecc.) e soprattutto non avete una sufficiente capacità linguistica, essere assunti da una ZF dipenderà esclusivamente dalla vostra buona sorte.

Per farvela ancora più semplice, se parlate bene il tedesco soprattutto per quello che riguarda il vostro lavoro (termini tecnici, saper spiegare cosa state facendo, capire i colleghi, ecc.) e vi mostrate molto capaci potete dopo 3-6 mesi o un anno chiedere un aumento ed ottenerlo, sempre per il fatto che la committente non vorrà correre il rischio di perdere un ottimo elemento e ricominciare di nuovo la ricerca di un altro dipendente.

Come si entra in una ZF?

Esistono due modi diversi ma hanno in comune una cosa; per entrambi i modi bisogna essere fisicamente sul suolo tedesco, qualsiasi candidatura presentata dall’italia non verrà nemmeno presa in considerazione.
1 – Presentarsi direttamente nel loro ufficio senza appuntamento.
Dopo aver preso nota degli indirizzi delle varie ZF dislocate nella vostra città, vi recate presso una di esse con il vostro Lebenslauf (CV in tedesco) e chiedete se c’è qualche lavoro disponibile per le vostre capacità.
L’esito è abbastanza incerto in quanto potrebbe sempre essere interpretato come un “non ho nemmeno visto la vostra pagina internet”. Potreste comunque avere fortuna e capitare nel posto giusto al momento giusto.

2 – Candidarsi online nel loro sito.
Dopo aver scelto la posizione lavorativa nel sito internet dell’azienda, dovrete inserire tutti i vostri dati già contenuti nel vostro CV ed allegare quello già scritto in formato PDF oltre alla lettera di presentazione. Se allegate anche le scansioni di eventuali referenze o certificati sarà molto meglio per voi. Questo procedimento è abbastanza lungo ma vi permette da subito di essere inseriti nella banca dati aziendale

A differenza dell’italia, le aziende in Germania VI CHIAMANO in quanto, se vi siete registrati inserendo i dati nella maniera corretta, un sistema di Alert farà spuntare automaticamente il vostro nome come possibile candidato qualora si aprisse una posizione idonea.

Personalmente sono stato chiamato da una azienda in cui avevo persino dimenticato di essermi candidato 4 o 5 mesi prima.

All’inizio sono stato “accompagnato” da una persona che diceva di parlare il tedesco ma è stato come se un sordo avesse accompagnato un muto. La segretaria mi faceva delle domande ed io aspettavo speranzoso la traduzione, pietosa, che arrivava fra una parola in italiano ed una in dialetto. La smorfia di risposta della segretaria valeva più di mille parole. Meglio imparare la lingua da soli e sapersi vendere per quello che si è.

Ma quanto pagano?

Lo stipendio varia in base al numero di ore lavorate durante il mese, ad esempio, Ottobre 2014 ha 31 giorni di cui 23 lavorativi (i festivi vengono pagati); dunque prenderete di più rispetto a Febbraio.
In definitiva potrete lavorare 172, 165, 158 ore ( +/- permessi, straordinari, ecc.)
168€ X 8,50€ (paga base) = 1425 € Brutto

Su questo sito potrete calcolare il vostro netto in base al numero di figli (residenti in Germania) ed al fatto che siate sposati (SK3), single (SK1).
http://www.brutto-netto-rechner.info/

I link

 
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


[1] Per qualificato si intende una persona con esperienza pluriennale in un determinato settore, dunque la famosa frase che tanto piace agli italiani “io mi adatto a fare tutto”, in Germania equivale ad “in non so nemmeno cosa sono capace di fare”.

Comments